SPETTACOLI: il teatro delle case 2014

CON TUTTO L’AMORE DEL MONDO
giovedì 8 maggio 2014: 2 repliche, ore 19:30 e ore 21:00
QUI E ORA Residenza Teatrale

con Francesca Albanese, Silvia Baldini, Laura Valli
allestimento scenico Erica Sessa
montaggio audio Diego Roveroni
produzione Qui e Ora Residenza teatrale

Di casa in casa, il teatro entra negli appartamenti. Abitare la città, attraversare i suoi quartieri, guardare le luci nelle case degli altri. In una città dove tutto è veloce e si consuma al chiuso, aprire lo spazio del privato per costruire incontri e dare visioni. Tre frammenti sullo stato dell’amore oggi, costruiti a partire dallo sguardo attento e ironico di un autore contemporaneo: Tiziano Scarpa. Tre vite colte in un momento nodale: avere un figlio, traslocare, scegliere se amare. Una scrittura teatrale fatta per immagini e azioni, per pensieri che prendono corpo e voce. Il teatro entra in spazi del quotidiano per un incontro ravvicinato fra pubblico e azione scenica. Un’esperienza intensa, un momento di forte condivisione, scoprire l’universo emotivo, i desideri e le paure di chi abita nella casa accanto, poi si torna al mondo con un momento conviviale di cibo, vino e chiacchiere su quanto appena vissuto.

qui-e-oraQUI E ORA Residenza Teatrale

Qui e Ora Residenza Teatrale nasce come progetto dell’Associazione Interdisciplinare delle Arti, in collaborazione con la compagnia teatrale Figure Capovolte concepito nell’ambito dell’iniziativa ÊTRE – Esperienze teatrali di residenza, della Fondazione Cariplo. Il progetto è attivo sul territorio della bassa bergamasca.

Qui e Ora è un progetto di residenza teatrale che nasce dall’ascolto di un territorio per dare vita a un luogo dove fare esperienza di sé in relazioni con gli altri, un luogo dove vi sia la capacità di osservare profondamente ciò che accade nel corpo sociale e trasformarlo in racconto, in atti poetici e artistici. Al centro del lavoro offrire la possibilità di sentirsi parte di una comunità nella scoperta di tutte le bellezze e risorse della comunità stessa; imparare a raccontare il proprio vissuto e immaginario partendo dal reale per assurgere a un contesto mitico ed emblematico, dove il quotidiano diventi straordinario, extra – ordinario.

Nel 2013 Qui e Ora in partnership con Zona K e Delle Ali Textura vince il bando Avvicinare nuovo pubblico alla cultura di Fondazione Cariplo con il progetto Coltivare Cultura.

COLTIVARE CULTURA contagia la dimensione culturale attraverso l’attivazione di laboratori, la realizzazione di percorsi di inchiesta, la costruzione di eventi strettamente connessi artisticamente con le comunità a cui si rivolgono, la produzione di spettacoli e performance, anche partendo dalle esperienze artistiche frutto di processi sviluppati sui territori di interesse.

Con-tutto-l-amore-del-mondo

ENLIBERTEE
mercoledì 21 maggio 2014: ore 20:30
opificiotrame-link-blogrollCompagnia OpificioTrame

regia e coreografia: Federicapaola Capecchi

Performance della I° edizione del Festival Coreografia D’Arte (2009), un’idea di Federicapaola Capecchi e Francesco Tadini – Spazio Tadini

con Federicapaola Capecchi, Eleonora Soricaro
in scena  riproduzione dell’opera Il Passo di Maria Mulas 
produzione OpificioTrame e Spazio Tadini

Il giorno finisce, con l’arrivo della sera si spengono molte luci e rimane il buio di una periferia, il verde di un campo, la vita si trasferisce all’interno delle case. Per loro due, dentro la loro casa mobile/viaggiante: nel futuro c’è sempre una nuova città da raggiungere e un nuovo giorno da conquistare. Una casa/mobile parcheggiata decorata alla maniera dei carrozzoni del circo. Una passerella d’ingresso disegnata da un tappeto rosso e protetta da una veranda luminosa, tazzine, corde, gabbiette, farfalle, giochi, carrillon. Tra l’alternarsi di azioni quotidiane post spettacolo, due personaggi accolgono, si sfiorano, si scontrano. Si sono messi in viaggio, stanchi di restarsene a casa e continuare ad aspettare. Vanno incontro alle stagioni e all’inverno con la voglia di rischiare. Voglia di libertà, strada per strada, dimenticando ogni giorno il percorso per tornare a casa. Incontrano la gente, la invitano a fare un po’ di cammino, vogliono parlare ma senza dover tenere fermi in ascolto. Una scelta. Una strada da percorrere, a piedi. Teatranti nella vita, lui un clown, lei una ballerina, nomadi di professione, perché cercano domande e risposte. Come quelle della vita e del teatro che dovrebbe, sempre, spostarsi, nottetempo, di casa in casa, di persona in persona, per costruire, raccontare, ascoltare, condividere e convivere. Lasciando, nel chiarore dell’alba, una sola scarpa rossa, segno del loro passaggio e di un altro cammino da percorrere…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Enlibertè è una performance. Nata a Spazio Tadini, in occasione di Coreografia D’Arte 2009, gioca con l’opera fotografica “Il Passo” di Maria Mulas, è poi stata inviata in situazioni volutamente informali, dove si potesse cenare e chiacchierare. Sì, perché l’intera performance avviene attorno ad un tavolo, apprestato per una buona e lauta cena. Dove il pubblico, ma anche gli interpreti, mangiano e bevono in un’atmosfera conviviale.

Maggiori Informazioni su http://www.opificiotramespettacoli.wordpress.com/

IL VIDEO DE IL TEATRO DELLE CASE 2014

Annunci

Un pensiero su “SPETTACOLI: il teatro delle case 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...