IL PROGETTO

Oggetto e finalità del progetto

Il Comune di Sesto San Giovanni, quarto Comune della Lombardia per numero di abitanti (81.261 di cui 18.898 dai 65 anni in su, dato inserito nel Piano di Zona 2012-2014), si colloca nell’area periferica del nord-est milanese e ha subito negli ultimi anni grandi mutamenti demografici quali il calo delle nascite e l’aumento del tasso di anzianità. L’area urbana  si caratterizza per la presenza di grandi aree industriali dismesse (un tempo davano lavoro a 45.000 addetti) che oggi sono in fase di riconversione. La “Città delle fabbriche” è diventata una città prevalentemente terziaria con un profilo articolato e con una alta presenza di persone pensionate o pre-pensionate. La fascia di popolazione compresa tra i cinquanta e i cento anni corrisponde al 42,3% della popolazione attuale. Di questi le fasce 64/69 anni e 70/74 anni formano il 12% dei residenti.

La popolazione anziana è molto attiva e organizzata in gruppi parrocchiali (Centri ascolto) e Associazioni di volontariato (ad esempio  Auser e Caritas Salesiani) che collaborano con i servizi pubblici soprattutto nelle attività di sostegno alla grave non autosufficienza e alle povertà, nella prevenzione e negli interventi a favore degli anziani soli o a grave rischio di emarginazione. Oltre alle Associazioni anche le Cooperative sociali del territorio realizzano progetti specifici a favore degli anziani non autosufficienti, in particolare affetti da demenze e malattia di Alzheimer, in collaborazione con i Servizi Sociali . Sono presenti e molto attive  l’Università della Terza Età e le quattro Scuole Civiche, in particolare la Scuola d’ Arte, che vedono un’alta presenza stabile di persone dai 50 anni agli 80 anni e oltre; vi sono sei Centri Anziani autogestiti, frequentati da circa 2250 persone all’anno (dato 2011), che offrono diverse opportunità a carattere culturale e ricreativo. Inoltre sono in atto alcune iniziative sull’invecchiamento attivo in salute, portate avanti dall’ASL e dal Comune che hanno come temi principali il movimento e lo sport, la prevenzioni degli incidenti domestici e la corretta nutrizione.

Le azioni innovative che il progetto promuoverà muovono dall’intento di valorizzare le competenze maturate da persone anziane di entrambi i sessi  nel corso della loro vita professionale o attraverso il libero sviluppo di interessi  personali. Sarà loro richiesto di mettere a disposizione  queste competenze per realizzare micro-progetti di utilità sociale e di sviluppo culturale della comunità locale, privilegiando quali beneficiari di tali azioni i bambini, i giovani e le famiglie.

Le azioni avranno sia un impatto sui diretti beneficiari appartenenti alle categorie sociali sopracitate sia, in quanto realizzate in una città di medie dimensioni, sulla intera cittadinanza opportunamente raggiunta da iniziative di comunicazione specifiche, sia infine, su un target regionale e nazionale avvalendosi di opportune strategie di comunicazione rivolte ad un vasto pubblico.

Partendo dai dati relativi al contesto territoriale e alla realtà socio-demografica descritti nel paragrafo 1) crediamo che  il patrimonio sociale e umano rappresentato dagli anziani sestesi possa essere maggiormente valorizzato. Questo territorio in grande trasformazione e in vista di un futuro incerto per tutti, ma soprattutto per le giovani generazioni, ha sicuramente bisogno di anziani competenti al servizio della comunità. Per questo il progetto si propone di valorizzare l’età anziana agli occhi delle nuove generazioni e stimolare gli anziani stessi a interagire maggiormente con esse affinché il loro contributo di valori e di esperienza non vada perduto. Inoltre in questi anni si sono moltiplicati i luoghi e le attività destinate agli anziani o rivolte esclusivamente a beneficiari anziani, che spesso rischiano di creare micro-comunità chiuse dentro la città, che non fanno neppure rete tra di loro. Il progetto vuole rispondere all’esigenza di lavorare affinché molti luoghi diventino aperti e  “per tutte le età” dove ciascuno possa esprimersi con vitalità e dignità imparando dagli altri (vedi art. 1 della decisione del parlamento europeo 940 del 2011) per ricreare coesione sociale dalla attuale frammentazione.

Programmazione descrittiva del progetto

Obiettivo specifico del progetto

AZIONE “IL MERAVIGLIOSO E IL QUOTIDIANO”

Intervenire con proposte non convenzionali nel tempo libero/vuoto degli anziani offrendo occasioni che abbiano alla base possibilità di incontro, dialogo  con realtà e generazioni diverse; fornire occasioni di incontro e riflessione sulle proprie capacità espressive, comunicative; far sperimentare un rapporto con la propria fisicità per scoprire (o riscoprire) attitudini e abilità motorie; trasformare l’ormai ultrasfruttato lavoro di memoria in uno spazio di relazione e dialogo fra generazioni per un confronto, nell’attuale, di valori ed esperienze.

AZIONE “IL GIARDINO DEI NONNI”
Promuovere, sperimentare e rendere visibili le competenze ed il ruolo attivo nella comunità locale di un gruppo di anziani, attraverso lo svolgimento di una attività di progettazione partecipata e di autocostruzione di una area verde con giochi per bambini

AZIONE “MESTIERI E PASSIONI A SCUOLA “
Promuovere, sperimentare e rendere visibili le competenze ed il ruolo attivo nella comunità locale degli anziani attraverso lo svolgimento di diverse attività da realizzare nelle scuole.

AZIONE “COMUNICAZIONE”

Mediante diverse  strategie, promuovere dapprima il coinvolgimento nel progetto degli  anziani e la partecipazione di genitori, bambini, insegnanti ecc.; nello svolgimento del progetto creare una vasta cassa di risonanza dei processi in corso e dei risultati delle attività, al fine di rendere visibili –  a livello sia locale che del vasto pubblico – le competenze ed il ruolo attivo nella comunità locale degli anziani coinvolti nel progetto e promuovere in tal  modo la cultura dell’invecchiamento attivo.

Attività

All’interno dell’azione “IL MERAVIGLIOSO E IL QUOTIDIANO” le attività sono:

1. LABORATORIO TEATRALE che offrirà percorsi esperienziali di diverso tipo  e durata  sul corpo, la parola, la scrittura, l’espressione e la comunicazione con particolare riferimento alla Comunicazione Verbale e Non Verbale;

2. rassegna  teatrale chiamata IL TEATRO DELLE CASE realizzata  attraverso mini- spettacoli adatti ad essere ospitati, appunto, nelle case e/o in ambienti non convenzionali. Gli spettacoli saranno proposti dagli anziani che frequentano il laboratorio in collaborazione con compagnie professionali. Ne beneficeranno pertanto non solo anziani ma anche bambini, adolescenti, giovani e adulti appartenenti alle famiglie o ai gruppi informali e formali ospitanti  (centri anziani, gruppi parrocchiali…) in luoghi aperti normalmente destinati ad altre attività.

All’interno dell’azione IL “GIARDINO DEI NONNI”

gli anziani, con l’aiuto di esperti, saranno i promotori di incontri con bambini e genitori della Circoscrizione 5 per la raccolta di idee e proposte relative all’arredo e agli attrezzi di gioco per una piccola area verde da realizzare in via Martesana; elaboreranno un progetto per l’arredo dell’area – costituito da soluzioni ed oggetti low cost e di facile realizzazione – basato sugli stimoli ricevuti da bambini e genitori; realizzeranno un cantiere di autocostruzione dell’arredo.

All’interno dell’azione “MESTIERI E PASSIONI A SCUOLA ” le attività consisteranno dapprima nell’orientare e raccogliere le disponibilità degli anziani ad operare come volontari presso alcune scuole primarie e secondarie di primo grado, per realizzare diverse attività tra cui ad esempio la gestione di orti scolastici, le piccole manutenzioni,  la conduzione di attività rivolte agli alunni quali laboratori di lettura o dimostrazione di mestieri; e nel realizzare successivamente  il matching tra gli anziani e le scuole.

Sulla  base di questa attività di promozione, gli anziani coinvolti realizzeranno i loro interventi in ambito scolastico, potendo usufruire del supporto di esperti tutor.

La attività di promozione del progetto presso i vari target coinvolti, e quella di comunicazione dei processi e dei risultati del progetto, si avvarranno dell’Ufficio Stampa  del Comune che alimenterà, attraverso comunicati  e conferenze stampa, un costante flusso  di informazioni verso i media locali e nazionali; la redazione del portale web www.sestosg.net alimenterà in parallelo l’informazione in rete, affiancandosi a strumenti tradizionali su supporto cartaceo (locandine, volantini).

Inoltre verrà realizzata a inizio progetto una attività di promozione con banchetti stradali presso scuole e mercati.

Il-Progetto

Il-Progetto1

Il-Progetto2

Il-Progetto3

Il-Progetto4

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...